Trasparenza e merito. Niente più nomine calate dall’alto, da troppo tempo frutto della discrezionalità politica e delle logiche clientelari di partito. Spazio alle capacità e competenze.