“L’intesa raggiunta ieri con i sindacati della Scuola e’ una buona notizia non solo per i docenti precari storici, ma anche per quelli che si sono affacciati da minor tempo (con o senza 36 mesi di servizio) o stanno per affacciarsi al mondo dell’insegnamento”. Lo affermano in una nota i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura Vittoria Casa, Virginia Villani, Rosa Alba Testamento, Alessandro Melicchio e Manuel Tuzi. “L’impegno – prosegue il comunicato – che abbiamo profuso nei mesi passati in Parlamento, e in particolare in queste ultime settimane lavorando con il ministro Lorenzo Fioramonti e il sottosegretario Lucia Azzolina, e’ scaturito in una soluzione seria e duratura all’annoso problema dei precari della Scuola, sta dando i suoi primi importanti frutti. L’obiettivo dell’accordo, infatti, e’ quello di riuscire a coprire al piu’ presto, attraverso un concorso ordinario e uno straordinario da bandire contestualmente, circa 50.000 posti. Merito e valorizzazione dell’esperienza sono i principi cardine dell’intesa con i sindacati che a breve si tradurra’, arricchendosi anche di altre misure, nel decreto Scuola, e che dovra’ portare a ridurre il numero dei precari gia’ da settembre 2020.Ci auguriamo che questo decreto che a breve vedra’ vita rappresentera’ lo slancio giusto per percorrere piu’ convintamente anche la strada per una Scuola rinnovata e di qualita’: vogliamo partire dall’assunzione dei docenti”, si legge nella nota, “per poi proseguire con provvedimenti che rendano la didattica piu’ innovativa. Una Scuola al passo con i tempi, infatti, e’ anche piu’ attraente e stimolante per i nostri giovani”.